La legge 3/2012, meglio conosciuta come legge “salva – suicidi” potrebbe interessare tutte quelle  persone, quelle famiglie,   che non riescono più a far fronte ai propri  debiti da tempo contratti, a  causa del peggioramento delle proprie condizioni di lavoro   ma che vogliono comunque riusciere a   far fronte al loro obbligo debitorio, soprattutto per non incorrere nelle conseguenze derivanti dalla perdurante morosità.

Le difficoltà economiche potrebbero essere una conseguenza della perdita del posto di lavoro, oppure  della morte del percettore di reddito o conseguenza di  una grave malattia ma potrebbero derivare anche  da altre situazioni.  Tutti coloro che dovessero trovarsi in una situazione di difficoltà non colpevole  possono chiedere di poter  pagare ed estinguere il  loro debito  in misura “commisurata” alle proprie attuali possibiltà economiche.

Clamorosa la decisione del Tribunale di Busto Arsizio che, con un decreto del 15 settembre 2014, ha  tagliato da 86 mila euro ad  11 mila il debito complessivo maturato da un contribuente nei confronti di Equitalia, con un taglio netto di oltre l’86% del debito iniziale.

Per maggiori informazioni: info@consulenzaeassistenzalegale.it

I Commenti sono chiusi

Seguimi su Twitter
Associazioni Affiliate
Visite